Neglected Tropical Diseases

neglecte
neglecte

Alleanza tra cinque Fondazioni europee – Fondazione Cariplo, Fundaçao Calouste Gulbenkian, Fondation Mérieux, Nuffield Foundation e Volkswagen Stiftung – per sostenere le ricerche di studiosi africani contro le Neglected Tropical Diseases (NTDs), un gruppo di malattie ancora trascurate, sia dal punto di vista scientifico sia terapeutico, ma estremamente aggressive, visto che ne soffre un sesto della popolazione mondiale. Le NTDs affliggono le popolazioni povere - il 100% dei Paesi classificati come “a basso reddito” è colpito da almeno 5 NTDs contemporaneamente - che vivono in zone dal clima tropicale. Tra tutte le aree risulta particolarmente colpita  la zona dell’Africa Sub-Sahariana

Le Fondazioni hanno messo a budget 3 milioni di euro (di cui 850.000 da Fondazione Cariplo) da destinare, attraverso bando, a ricercatori africani junior e senior (tutti provvisti di Ph.D) vincolati ad attivare, nel corso degli studi, una mentorship con un istituto di ricerca europeo. Un modo, questo, per investire nel capitale umano africano e creare contestualmente una rete di collaborazioni transnazionale.

L’iniziativa è di elevato profilo scientifico: le borse di ricerca, infatti, sono assegnate attraverso un processo di peer review che soddisfa gli standard più rigorosi e che termina con un meeting finale di selezione. Premiati i progetti di ricerca che utilizzano un approccio metodologico trasversale e che approfondiscono determinati temi scientifici correlandoli alle specifiche esigenze locali. 

Nell’ambito del programma sono state implementate tre edizioni del bando “The African Fellowship Programme on “Neglected Communicable Tropical Diseases and Related Public Health Research”. La prima edizione, nel 2008, ha condotto al sostegno di 14 progetti di ricerca (con un impegno economico di 1,2 milioni di euro). Nel marzo 2009 è partita la seconda edizione, che si è conclusa a febbraio 2010 con l’assegnazione di altre 9 borse di ricerca (per l’ammontare di circa 1 milione di euro). La terza edizione, conclusasi nel febbraio 2012, ha assegnato ulteriori 10 borse di ricerca, per un impegno complessivo di oltre 800.000 euro

Il progetto rappresenta una grande opportunità per sviluppare la capacità “africana” di fare ricerca e porre le fondamanta per la sconfitta delle NTDs, malattie trascurate non perchè “rare”, ma perché, nonostante l’enorme diffusione, “dimenticate”. A testimonianza di ciò basti pensare che meno dell’1% dei 1393 principi attivi registrati tra il 1975 e il 2000 è associato alla cura di una NTDs.

Le NTDs, tuttavia, a differenza di altre malattie infettive, non hanno destato, salvo recenti eccezioni, l’interesse dei policy makers. L’iniziativa, quindi, è anche un’importante occasione di crescita per le Fondazioni aderenti al partenariato, in grado di porsi come leader del settore e centrare allo stesso tempo gli obiettivi dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, che ha individuato nelle NTDs un problema su cui richiamare l’attenzione della società globale.